Nonviolenza e femminismo: se ne parla ad Altradimora

By Date: 2014/07/04 in altradimora, movimenti

Per il sesto anno consecutivo si tiene il seminario di Officine del pensiero femminista ad Altradimora, come di consueto a settembre, dal 5 al 7.   Qui scarica il programma.settembre 2014

“Non possiamo smantellare la casa del padrone con gli attrezzi del padrone”. La frase è di Audre Lorde, poeta e femminista Usa, e riassume il senso della ricerca che in molte alcune femministe, (e anche alcuni uomini) provano a tradurre in pratiche politiche: usare la violenza, anche quando si pensa (e di fatto è vero) di stare dalla parte giusta non cambia davvero l’ordine delle cose, né aiuta a costruire orizzonti diversi da quelli nei quali ci si trova, subendo la sopraffazione del dominio. Ovviamente non è facile: ci vuole grande forza di volontà, collaborazione, studio, consapevolezza, empatia, tempo e pazienza. Certamente un’arma, qualunque essa sia, risolve in fretta un dissidio, e offre a chi la usa un potere straordinario, quello di vita o di morte. E’ la dinamica del dominio, anche se la casacca è quella della rivoluzione. Il cambiamento sociale e la democrazia, se costruite con la violenza, partono già con un malanno dentro, che prima o poi tornerà indietro a chiedere il conto. Tra uccidere e morire c’è una terza via: vivere, scriveva Christa Wolf, ed è in questo spazio di fatica, di incertezza ma anche di grande creatività e possibilità, la vita appunto, che possiamo, donne uomini insieme, costruire relazioni e pratiche diverse da quelle usate nel dominio.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *